4 prodotti tipici romagnoli che puoi trovare a Cervia

Un viaggio fra i sapori autentici di Cervia

La tradizione gastronomica di Cervia è legata al mare e alle saline, elementi che influenzano fortemente i sapori locali. Da grandi amanti del buon cibo abbiamo selezionato per te le eccellenze romagnole, quelle che rappresentano al meglio la cultura del nostro territorio. Dal sale dolce di Cervia alla piadina romagnola: resistere a questo viaggio fra i prodotti tipici sarà davvero impossibile!

Il sale dolce di Cervia

Nella salina di Cervia si produce “l’oro bianco”, un sale integrale marino: un prodotto talmente radicato nella tradizione della città che, dal 2014, è diventato presidio Slow Food.

Le sue proprietà naturali lo rendono un sale privo di retrogusto amaro, delicato al palato.

Questa caratteristica esalta la cremosità e il sapore dei formaggi freschi della tradizione romagnola e insaporisce i salumi con una nota di dolcezza. E se i nuovi sapori ti incuriosiscono devi assaggiare il cioccolato al sale dolce di Cervia… una tavoletta dal gusto inconfondibile!

Cervia, ogni anno nel mese di settembre, celebra questo ingrediente dedicandogli “Sapore di Sale”, una manifestazione dove il sale dolce è il protagonista.

Se vuoi portare a casa un pensierino tradizionale ti consigliamo la mattonella al sale di Cervia. Il funzionamento è davvero semplice: la scaldi in forno a 220° per una ventina di minuti e la servi a tavola. Ci puoi cucinare sopra qualsiasi pietanza, dal pesce alla carne. Una vera chicca per lasciare tutti i tuoi ospiti a bocca aperta!Mattonella di sale

La cozza di Cervia: dal mare al piatto

Se ami i frutti di mare devi assaggiare la cozza biologica a km 0: un prodotto semplice e genuino che conquista ogni palato. Viene allevata a poco più di 5 chilometri dal litorale adriatico, in acque di qualità eccellente per pulizia e limpidezza. I pescatori, quando sono nelle loro imbarcazioni, controllano con cura la qualità delle cozze, proprio come suggerisce l’antica tradizione locale.

Vuoi riscoprire questi gusti dimenticati? A inizio giugno Borgomarina, il caratteristico borgo dei pescatori, si anima con “La Cozza di Cervia in Festa”: una rassegna del gusto dove puoi assaporare tanti piatti a base di questo mollusco.

la cozza di Cervia

Il cardo di Cervia

Fra i prodotti della tradizione agricola cervese c’è il cardo, “un ortaggio di sabbia” che viene coltivato in piccole quantità e venduto dai produttori locali nei mercati settimanali e nelle rivendite alimentari. Il cardo matura sotto la sabbia marina e il risultato è un sapore dolce, privo di retrogusto amarognolo. 

Come riconoscere quello vero? Oltre al bollino di autenticità che trovi al momento dell’acquisto puoi provare ad assaggiarlo crudo… se è buono anche così significa che è proprio l’originale!

Il cardo locale si gusta solo durante l’inverno e l’occasione perfetta per assaggiarlo è la Sagra del Cardo Dolce di Cervia, a fine gennaio. Qui puoi trovare anche tisane, liquori, confetture, creme e sott’oli a base di cardo.

il cardo dolce di Cervia

La piadina romagnola: genuina e inimitabile

Acqua, strutto, farina e sale: sono questi gli ingredienti della “piada”, il piatto che non può mai mancare sulle tavole della Romagna. Pascoli l’ha definita come “Il pane, anzi il cibo nazionale dei Romagnoli”. La sua fragranza si sposa con affettati, verdure di stagione e formaggi, lo squacquerone in primis. 

piadina romagnola cervia

Puoi assaggiare tutti questi prodotti tipici alle sagre paesane, concentrate soprattutto durante la bella stagione. E quando si parla dell’avvicinarsi della primavera il nostro pensiero va alla riapertura dei nostri Hotel. Speriamo di rivederci presto: quali sono i sapori del territorio che ti piacerebbe portare a casa con te?

 

Iscriviti alla newsletter di MiMa Club Hotel per ricevere in anteprima tutte le novità sulla nuova stagione!

Ti piace questo articolo? Condividilo!

Autore

Piero Boni
Piero Boni
Gemello di Sandro, è il proprietario dell'hotel Solemare. È dinamico, solare, ama i viaggi, il mare, la piadina, il web e il marketing.