Fantasmi, Presenze E Creature Sinistre… Un Halloween Da Brivido A Milano Marittima!

Alla scoperta della Romagna più misteriosa

La Romagna non è solo terra di mare, divertimento, ospitalità e buone forchette… i nostri luoghi sono disseminati di antiche fortezze, oscure foreste ed imponenti castelli medievali, spesso utilizzati come scenari per leggende e racconti popolari le cui origini si perdono nel tempo.

Se sei a corto di storie del terrore da raccontare durante la notte di Halloween, ti aiutiamo noi del MiMa Club Hotel! Tieniti forte, partiamo per un tour “immaginario” delle curiosità più strane ed enigmatiche del nostro territorio.

Il corridoio infestato della Rocca Malatestiana

Rocca Malatestiana | Mima Club Hotel

La Rocca Malatestiana, una delle fortezze più grandi e meglio conservate della regione, suscita da sempre curiosità per la sua intrigante storia. Come ogni castello che si rispetti infatti, anche questo pare sia infestato dai suoi fantasmi… corre voce che nell’ultimo tratto del corridoio più lungo della Rocca, chiamato appunto “Il Corridoio dei Fantasmi”, avvengano degli strani incontri, documentati anche da diversi ”ghost hunters”, i cacciatori di fantasmi dei giorni nostri, che affermano di aver registrato suoni e voci inquietanti.

Il corridoio conduce alla famosa Sala delle Torture, dove si tenevano terribili interrogatori e atroci martìri. Che sia una coincidenza?

Il fantasma della bimba Azzurrina

Quello di Azzurrina è uno dei racconti più conosciuti di tutta la Romagna e, come la maggior parte delle leggende, è ispirato a una storia vera. Ci troviamo nel poderoso Castello di Montebello a Poggio Torriana, un tempo teatro di numerose battaglie territoriali tra diverse dinastie nobiliari.

Guendalina Malatesta, meglio nota come Azzurrina, era una bimba albina, figlia del feudatario di Montebello. A causa dei colori così chiari di occhi e capelli, considerati all’epoca manifestazioni del demonio, la madre tentò di scurirle la chioma tingendola con delle erbe. Riuscì però a farle assumere solo una sfumatura azzurra. Nonostante fosse sorvegliata dalle guardie del castello, una notte di mezza estate la piccola sparì misteriosamente nella ghiacciaia del castello dove era scesa a rincorrere la sua palla.

Da allora, si narra che lo spirito della bambina albina ritorni nella rocca ogni cinque anni, durante la notte del solstizio d’estate. La sua presenza è più che mai “viva”: nel corso del tempo all’interno del castello sono state fatte delle registrazioni nelle quali pare di sentire la voce di una bambina che singhiozza.

Azzurrina | Mima Club Hotel

Mazapegol, il folletto Romagnolo

Originaria proprio della tradizione folkloristica della nostra terra, la leggenda del Mazapegol (o Mazapégul) è conosciuta in lungo e in largo e narra dell’esistenza di una strana creatura, a metà tra un folletto e un incubus, che si aggira nei boschi romagnoli.

Alto all’incirca come uno gnomo, ha la faccia simpatica e furba: non è cattivo, però è dispettoso, attenzione! Una delle sue marachelle preferite è quella di attorcigliare in trecce le code e le criniere dei cavalli nella stalla, rendendo furiosi i contadini che la mattina seguente sono costretti a trascorrere ore e ore a strigliare i loro animali. Ma c’è un modo per fermarlo: se riesci a rubargli il magico berrettino rosso che abbandona di tanto in tanto, rimarrà senza poteri e non potrà fare altro che lamentarsi urlando dam indrì e’ mi britìn!

Come trascorrerai il weekend più pauroso dell’anno?

Ora che conosci alcune delle storie più misteriose della nostra terra, puoi prepararti al meglio alla notte delle streghe. Quest’anno sarà un Halloween anomalo: niente feste o spettacoli in città, ma ciò non significa che non si possa trascorrere una notte da brivido in famiglia, magari con una maratona dei film horror più famosi!

E tu hai già preparato il costume per festeggiare il 31 ottobre? Noi del Mima Club Hotel siamo pronti: ti aspettiamo nella tenebrosa Milano Marittima!

Ti piace questo articolo? Condividilo!

Autore

Angela Bucheli
Angela Bucheli
Moglie di Piero, da più di 20 anni con lui gestisce il Solemare e da 5 il Peperittima Beach Club, con un tocco unico di creatività.